La volta scorsa abbiamo visto l’omero e la spalla, l’omero è l’osso che va dalla spalla al gomito, ora vediamo il gomito e le ossa che dal gomito vanno al polso: ulna e radio

GOMITO

Il gomito è il punto dove si uniscono il braccio, che va dalla spalla al gomito, e l’avambraccio, che va dal gomito al polso.

Il gomito è un’articolazione che permette di flettere ed estendere l’arto superiore e nella quale vi sono tre ossa e,  di conseguenza, tre articolazioni che si trovano in contatto tramite la capsula articolare che è un manicotto fibroso con dei legamenti molto robusti:

  • l’omero: nella sua parte inferiore si articola con l’ulna creando l’articolazione omeroulneare e con il radio creando l’articolazione omeroradiale
  • l’ulna: si articola nella sua parte superiore con l’omero creando l’articolazione omeroulneare e si articola con il radio creando l’articolazione radioulnare che permette la rotazione verso l’esterno e l’interno dell’avambraccio
  • il radio: si articola nella sua parte superiore con l’omero creando l’articolazione omeroradiale e si articola con l’ulna creando l’articolazione radioulnare che permette la rotazione verso l’esterno e l’interno dell’avambraccio

L’omero è ricoperto di cartilagine nella sua estremità distale, quella vicino ad ulna e radio, ove l’osso è piatto e largo e questo punto viene detto anche paletta omerale ed ha due superfici:

  • capitello, detto anche capo dell’omero, si trova nella parte dove si incontra con la testa del radio
  • troclea si trova nella parte dove si incontra con l’incisura trocleare dell’ulna

Radio ed ulna si incontrano nella zona detta incisura radiale dell’ulna.

Ulna e Radio

Sono ossa lunghe e pari più strette nella loro parte centrale e larghe alle estremità, sia superiore che inferiore, e parallele una all’altra e si trovano rispettivamente:

  • ulna: è nella parte esterna a noi, quella dal lato del mignolo
  • radio: è nella parte verso di noi, quella dal lato del pollice

Sono le ossa dell’avambraccio e sono coinvolte sia nell’articolazione del gomito che in quella del polso

Si possono suddividere in tre parti:

  • epifisi prossimale: più vicino all’omero
  • corpo: è la parte centrale detta anche diafasi
  • epifisi distale: più vicino al polso

ULNA

  • epifisi prossimale: è l’estremità superiore ed è importante per l’articolazione del gomito, in essa vi è l’incisura trocleare che è a forma di uncino ed è una larga cavità, viene detta anche incisura semilunare oppure grande cavità sigmoidea (è una depressione la cui superficie è liscia ed ospita la troclea dell’omero oltre che a concorrere all’articolazione del gomito); in essa vi si trovano due sporgenze ossee tra le quali, lateralmente, vi è l’incisura radiale, che è una piccola incisura che fa si che l’ulna si possa articolare con il capitello radiale :
    • olecrano è una sporgenza ossea grande e si trova nella parte posteriore ed in esso si inserisce il   tendine del tricipite brachiale, il muscolo flessore ulneare del carpo nella sua parte iniziale e la parte terminale di una parte dei muscoli anconeo (spesso considerati come muscolo posteriore del braccio o dell’avambraccio o la continuazione del muscolo tricipite brachiale)
    • coronoide, detto anche processo coronoideo, nella parte anteriore dove si inserisce la parte terminale del muscolo brachiale (nella prominenza ossea detta tuberosità dell’ulna che si trova al di sotto del suddetto processo coronoideo) ed ha inizio il muscolo pronatore rotondo, al di sotto di questo processo vi si trova la tuberosità dell’ulna
  • corpo: detta anche diafasi, è la parte compresa tra le due estremità (prossimale e distale) ed in essa vi sono:
    • la superficie volare: che è quella anteriore ove iniziano, passano e terminano vari muscoli   dell’avambraccio e della mano, in questa sezione vi è anche un canale, detto foro nutritizio, che ospita i vasi sanguigni che servono a nutrire e portare ossigeno al tessuto osseo dell’ulna
    • la superficie dorsale: che è quella posteriore ove iniziano, passano e terminano vari muscoli   dell’avambraccio e della mano
    • bordino interosseo: in esso si aggancia la membrana interossea radio-ulneare che è di un   sottile tessuto fibroso che si trova, per l’appunto, tra ulna e radio
  • epifisi distale: è l’estremità inferiore importante per l’articolazione del polso ed in essa vi sono:
    • la testa dell’ulna: è una protuberanza piccola ed arrotondata che si inserisce nell’incavo ulneare del radio
    • processo stiloideo: si trova nella parte più vicino al polso ed in esso passa uno dei capi del legamento collaterale ulneare del carpo che è molto importante per l’articolazione del polso, è quello che permette al pollice di poter effettuare il movimento di prensione (di afferrare in quanto è opponibile)

Continua …

Vuoi saperne di più sul trattamento di tecnica vertebrale? clicca qui

Se hai perso la prima parte che parla della colonna vertebrale clicca qui.

La scorsa volta abbiamo parlato della quantistica: il tubo Crookes e la prima particella subatomica, la prossima volta continueremo il discorso su nuove scoperte relative alla scienza e con attinenza alla quantistica.

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti – faq. scorrendo la pagina sino in fondo.

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Il post da alcune informazioni e cenni sul corpo umano ed alcuni meccanismi di esso, quindi non si tratta di uno scritto medico e non vuole esserlo, è solamente una breve spiegazione. In caso di informazioni più appropriate si consigliano libri tecnici o consultare un medico.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2024. Tutti i diritti riservati.