L’articolazione della spalla, detta anche articolazione scapolo-omerale o gleno-omerale, ha grande mobilità ed è quella che unisce, tramite la testa dell’omero e la cavità glenoidea, l’arto superiore al tronco ; quest’articolazione è sinoviale (le ossa scivolano sulla cartilagine) ed è pari (ce ne sono due nel corpo) e consta di ben cinque articolazioni:

  • scapolo omerale
  • sternoclavicolare
  • acromioclavicolare
  • scapolotoracica
  • sottodeltoide

L’omero è un osso lungo e concorre a due importanti articolazioni che risultano fondamentali per il movimento dell’arto superiore:

  • articolazione della spalla: con la quale si unisce alla scapola grazie alla testa (detta testa dell’omero)
  • articolazione del gomito: che lo unisce ad ulna e radio che sono le ossa che vanno dal gomito al polso

Nell’omero trovano l’aggancio anche muscoli che partono dalla spalla e terminano nell’ulna o nel radio.

Questo osso lo si può suddividere in tre parti:

  • estremità prossimale: detta anche epifisi prossimale, è quella parte che si trova vicino alla scapola. Questa parte può essere suddivisa in:
    • testa: è una protuberanza ossea a forma di semi-sfera con una superficie liscia cartilaginea e si articola, per formare l’articolazione della spalla, con la cavità glenoidea della scapola
    • collo anatomico: la cui forma è più stretta della testa ed è corto, questa zona si trova tra la testa dell’omero e l’epifisi prossimale
    • tubercolo maggiore: è abbastanza grande con due facce (una posteriore ed una anteriore) ed è situato subito dopo il collo anatomico. In esso trovano aggancio il muscolo sovraspinato ed il sottospinato ed il piccolo rotondo
    • tubercolo minore: ha una sola faccia (anteriore) ed è più piccolo del precedente, si trova nella zona mediale del tubercolo maggiore. In esso trova l’aggancio il muscolo sottoscapolare
    • solco intertubercolare: esso è una forte depressione con delle creste, dette labbra, alle quali si agganciano i tendini del muscolo grande dorsale, grande rotondo e pettorale maggiore. Esso è attraversato dal tendine del muscolo brachiale.
    • collo chirurgico: esso separa il corpo dell’omero dai tubercoli
  • corpo: detta diafisi è la parte centrale ove vi sono muscoli del braccio che hanno le loro inserzioni. Si presenta cilindrica nella sua parte superiore ed ha la forma a prisma in quella inferiore. Questa parte può essere suddivisa in:
    • tuberosità deltoidea: è una prominenza ossea nella zona antero-laterale ed a circa metà. In esso vi è l’ancoraggio del muscolo deltoide.
    • foro nutritizio: come si capisce dal nome è un foro ed al suo interno passano vasi sanguigni che nutrono ed ossigenano l’omero
    • scanalatura radiale: è una leggera depressione al cui interno si trova l’arteria brachiale profonda ed il   nervo radiale; esso termina all’altezza della tuberosità deltoidea
  • estremità distale: detta epifisi distale è la parte vicino ad ulna e radio ed è composta da:
    • cresta sopracondiloidea mediale: è il lato interno dell’estremità distale dell’omero
    • la cresta sopracondiloidea laterale: è il lato esterno dell’estremità distale dell’omero
    • epicondilo mediale: ha origine dalla cresta mediale e si sente al tatto
    • epicondilo laterale: ha origine dalla cresta laterale, e si sente al tatto
    • fossetta coronoidea, detta anche fossa coronoidea: è una depressione che si trova nella parte anteriore della superficie dell’estremità distale dell’omero, ma la posizione è più mediale
    • fossa radiale: è una depressione che si trova nella parte anteriore della superficie dell’estremità distale dell’omero, rispetto alla precedente la sua posizione è meno mediale
    • fossa olecranica: è una depressione che si localizza tra i due epicondili nella parte posteriore della superficie dell’estremità distale dell’omero 
    • troclea: ha una forma irregolare e si trova sotto alla fossa radiale e coronoidea, è liscia e cartilaginea 
    • capitulum: è di forma semi sferica ed è un incavo che si trova nella testa dell’osso radio

PROBLEMATICHE DELLA SPALLA

  • periartrite alla spalla, la periartrite è un processo infiammatorio
  • lussazione della spalla
  • lesione della cuffia dei rotatori

PROBLEMATICHE DELL’OMERO

  • frattura: in genere dovuto a traumi che si possono avere al braccio. Esso può fratturarsi in qualunque punto:
    • frattura dell’omero prossimale: dovuto a colpi al braccio, come ad esempio una caduta, in soggetti che avevano la mano aperta causando un danno al nervo ascellare con conseguente perdita di sensibilità alla pelle e diminuzione dei movimenti
    • frattura del corpo dell’omero: a seguito di colpi che possono danneggiare il nervo radiale ed anche l’arteria brachiale causando la paralisi dei muscoli ed una perdita di sensibilità alla pelle
    • frattura omero distale: dovuto ad una caduta ove si   colpisce con il gomito piegato causando una   diminuzione del flusso sanguigno

Continua …

Vuoi saperne di più sul trattamento di tecnica vertebrale? clicca qui

Se hai perso la prima parte che parla della colonna vertebrale clicca qui.

La scorsa volta abbiamo parlato della quantistica: il tubo Geissler ed il tubo Crookes, la prossima volta vedremo come è fatto il tubo Crookes e vedremo chi scoprì la prima particella subatomica.

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti – faq. scorrendo la pagina sino in fondo.

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Il post da alcune informazioni e cenni sul corpo umano ed alcuni meccanismi di esso, quindi non si tratta di uno scritto medico e non vuole esserlo, è solamente una breve spiegazione. In caso di informazioni più appropriate si consigliano libri tecnici o consultare un medico.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2024. Tutti i diritti riservati.