Il coccige si trova nella parte terminale della colonna vertebrale, sotto l’osso sacro, è un piccolo osso impari e simmetrico composto da 4 mini vertebre fuse insieme le cui dimensioni vanno in ordine decrescente ossia quella più vicina all’osso sacro è la più grande e quella più piccola è quella terminale, a volte vi sono soggetti in cui le vertebre che lo compongono possono andare da 3 a 6.

Nasce nell’embrione e deriva da una struttura detta eminenza caudale, inizia a formarsi tra la quarta settimana e l’ottava di gestazione, nelle settimane successive l’eminenza caudale va regredendo ed il coccige rimane con le vertebre separate, la fusione ha inizio intorno al terzo anno di vita e termina intorno ai tredici anni e può interessare tutte le vertebre del coccige oppure tutte con esclusione della prima o delle prime due.

La sua forma è triangolare e rappresenta l’ultima testimonianza del fatto che i nostri antenati, in epoche remote, possedevano la coda.

Esso ha solo l’articolazione sacro-coccigea, detta sinfisi sacro-coccigea, ossia quella che unisce l’ultima vertebra dell’osso sacro e la prima vertebra del coccige: a livello della base del coccige vi è la “faccetta” articolare che forma l’articolazione sacro-coccigea e lì vi si trova uno strato di cartilagine fibrosa, questa articolazione risulta essere poco mobile permettendo movimenti minimi, rispetto all’osso sacro, di flessione ed estensione del coccige, i momenti in cui questi movimenti avvengono sono quello del travaglio e della defecazione.

COME E’ COMPOSTO

E’ composto da 6 parti dove la prima vertebra presenta dei processi trasversi e le altre non hanno peduncoli, lamine e processi spinosi:

  • la base: essa è piatta e si trova nella parte superiore del coccige, ossia nel punto in cui il coccige si unisce all’osso sacro. Questa parte piatta è una sorta di “faccetta”, come abbiamo detto sopra, che unisce l’ultima vertebra dell’osso sacro e la prima vertebra del coccige. Essa ha anche due prominenze orientate verso l’alto, detti corni del coccige, che sono processi articolari della prima vertebra coccigea per prendere contatto con i corni dell’osso    sacro situati sulla superficie dorsale dl sacro ed orientati verso il basso
  • l’apice: è di forma arrotondata ed è la parte inferiore del coccige quindi coincide con l’ultima vertebra coccigea, è la fine  della colonna vertebrale, ad essa si aggancia il tendine del muscolo sfintere anale esterno
  • la superficie anteriore: detta anche superficie ventrale, è leggermente concava e possiede tre scanalature trasversali, è la parte rivolta verso l’interno del corpo, serve da aggancio al tendine del muscolo elevatore dell’ano ed al legamento sacro-coccigeo
  • la superficie posteriore: detta anche superficie dorsale, è leggermente convessa e possiede tre scanalature trasversali e gli abbozzi dei processi articolari delle vertebre del coccige, è la parte rivolta verso l’esterno del corpo
  • due superfici laterali: sono i lati del coccige e vi sono per ogni vertebra di questo osso, è una parte sottile e presenta i processi trasversi delle vertebre coccigee, più grossi nella prima vertebra e di grandezza decrescente verso l’ultima, che hanno una direzione dall’alto verso il basso

FUNZIONI

Le sue funzioni sono varie e fra queste vi sono:

  • proteggere la parte terminale del midollo osseo
  • supportare il peso del corpo quando si è seduti e quando ci si piega all’indietro, si ricorda che quando ci si piega in avanti il supporto viene dato dalla tuberosità ischiatica delle ossa illiache
  • dare inserzione a legamenti, tendini, muscoli (quali ad esempio l’elevatore dell’ano ed il grande gluteo)

MUSCOLI

Nella zona del coccige si ha:

  • l’inserzione di uno dei capi d’origine del muscolo relativo al grande gluteo (esso ha numerosi capi d’origine quali ad esempio le superfici laterali del coccige e dell’osso sacro, la fascia posteriore dell’osso iliaco e la cresta iliaca, la fascia lombare ed il legamento sacrotuberoso) e termina sulla tuberosità glutea del femore. Esso permette di estendere il ginocchio ed aiutare nella deambulazione, aiuta a mantenere la posizione eretta e ad estendere e ruotare esternamente l’anca
  • un capo terminale relativo al muscolo elevatore dell’ano (esso ha un capo d’origine sull’osso iliaco e due sulla faccia interna del pube) e termina sulla superficie anteriore del coccige. Esso supporta i visceri della cavità pelvica.

LEGAMENTI

I legamenti che interessano la zona del coccige sono:

  • sacro-coccigeo posteriore profondo: esso collega la parte posteriore della quinta vertebra dell’osso sacro alla superficie dorsale del coccige
  • sacro-coccigeo posteriore superficiale: esso collega la cresta sacrale mediana alla superficie posteriore del coccige
  • sacro-coccigeo anteriore: esso collega le facce anteriori dei corpi vertebrali relativi alle vertebre del coccige ed è la continuazione del legamento anteriore longitudinale del rachide
  • sacro-coccigei laterali: essi vanno dalle superfici laterali del sacro ai processi trasversi della prima vertebra del coccige
  • interarticolari: essi collegano i corni del coccige con i corni dell’osso sacro

PROBLEMATICHE

  • vi sono casi in cui esso può avere una posizione dislocata a causa di una compensazione della colonna vertebrale oppure a seguito di un trauma; in quest’ultimo caso se il colpo è stato violento il coccige tende ad incassarsi internamente e sarà necessario un intervento di trazione verso l’esterno
  • la frattura: è dovuta ad infortunio traumatico generalmente a seguito di un incidente, una caduta, uno sport a contatto
  • la coccigodinia: è dolorosa non solo nella parte coccigea ed intorno ad essa, ma si può irradiare anche nelle zone muscolari della schiena, dei fianchi, dei glutei e delle gambe causando, a volte, dolori anche durante i rapporti sessuali; è di natura infiammatoria, può essere dovuta a postura errata, cadute, traumi, obesità, parto (infatti le donne ne sono più soggette), alcuni sport e tipi di lavori in cui vi è un sovraccarico nella regione sacro-coccigea e conseguente usura dei dischi cartilaginei, età a seguito della quale vi è l’usura
  • il teratoma sacro-coccigeo: è un tumore, generalmente benigno, che ha origine alla base del coccige e risulta essere il tumore più presente nei neonati

Continua ….

Vuoi saperne di più sul trattamento di tecnica vertebrale? clicca qui

Se hai perso la prima parte che parla della colonna vertebrale clicca qui.

La scorsa volta abbiamo parlato della storia del reiki: Mikao Usui (dal 1923 al 1926), la prossima volta parleremo della storia del reiki: Chujiro Hayashi .

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti – faq. scorrendo la pagina sino in fondo.

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Il post da alcune informazioni e cenni sul corpo umano ed alcuni meccanismi di esso, quindi non si tratta di uno scritto medico e non vuole esserlo, è solamente una breve spiegazione. In caso di informazioni più appropriate si consigliano libri tecnici o consultare un medico.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2024. Tutti i diritti riservati.