La parola bioquantica deriva dal latino Bioquantum composto dalle parole bios (vita) e quantum (quantità, porzione).

La bioquantica studia, dal punto di vista quantistico, ciò che riguarda i processi vitali ossia gli aspetti umani sotto un profilo fisiologico, psicologico, morfologico (è lo studio degli organismi viventi e delle loro parti) e fenomenologico (è lo studio e la classificazione dei fenomeni nello spazio e nel tempo, nel momento in cui si manifesta la realtà dei fenomeni, oltre che a darne una descrizione).

In questo modo la quantistica studia i fenomeni ad ampio spettro prendendo in causa una moltitudine di discipline,  quindi si può calcolare come cultura multidisciplinare, dove la scienza viene abbinata alle antiche culture tradizionali.

Importante è la presa di coscienza della realtà in modo tale che ogni individuo, tramite essa, possa essere pienamente consapevole.

La prima consapevolezza da mettere in campo è renderci conto che siamo fatti di energia, spesso siamo ignari di questo, ma la stessa medicina ce lo dice infatti il nostro patrimonio genetico ci viene trasferito da 23 cromosomi della madre e 23 del padre ed un normale individuo è, quindi, composto da 46 cromosomi; ma la parola cromosoma deriva dalla combinazione di due parole greche: cromo (colore) e soma (corpo); spesso colore viene inteso come luce e luce è calore, il calore è energia di conseguenza cromosoma è corpo di luce, o meglio corpo di energia.

La scienza è stata improntata sulla materia, ma quando i primi uomini di scienza ne misero le basi non calcolarono un fattore determinante e quindi ad essa mancava un punto fondamentale: la possibilità.

Ci è sempre stato insegnato che la materia corrispondeva alla realtà perchè si vedeva e/o toccava dando solo a due fattori il predominio di dichiarare se qualcosa era vero oppure no, quindi solo la percezione ed il pensiero conseguente ci poteva dare la certezza.

Nella fisica quantistica vengono presi in considerazione anche i sentimenti e le intuizioni perchè essa afferma che se la consapevolezza da possibilità alla materia allora anche la mente e le energie che percepiamo possono rientrare nelle possibilità della consapevolezza.

Viene da chiedersi come questa consapevolezza possa essere attuata e qui rientriamo in una mediazione tramite la comunicazione non locale ed il salto quantico.

La comunicazione non locale avviene tra le particelle che istantaneamente entrano in contatto tra di loro anche se distanti, un esempio è la telepatia, ma sono stati fatti studi approfonditi che hanno dimostrato questa comunicazione tra particelle di uno stesso ceppo distanti tra loro dove ciò che avveniva ad una particella, causandone un cambio, andava a modificare la particella fisicamente distante e non sottoposta ad alcuna modifica: le particelle comunicavano tra loro anche a chilometri di distanza (vai alla sezione “come si riesce a far fronte allo spazio-tempo)

Il salto quantico, detto così per la sua caratteristica di essere discontinuo, salta da uno stato ad un altro senza seguire una sequenza di grandezze progressive: ad esempio un elettrone passa da un livello di energia ad un altro saltando le fasi intermedie.

I nostri processi creativi si possono comportare con il procedimento del salto quantico, che spiegano “le guarigioni miracolose” che in definitiva sono guarigioni quantiche ossia che la forza del pensiero ha mosso le nostre energie portandoci all’autoguarigione.

La scienza classica non ha la discontinuità, quindi non può esistere il salto quantico, questo perchè essa si basa esclusivamente e solo sulla materia.

La consapevolezza permette di scegliere tra le possbilità, anche se si tratta di materia, perchè è sempre il punto di vista dell’osservatore che crea “onde di possibilità”.

Continua …

Se hai perso i post che parlavano di quantistica clicca qui.

La scorsa volta abbiamo parlato delle ossa degli arti inferiori: l’osso iliaco, la prossima volta parleremo del bacino osseo.

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti – faq scorrendo la pagina sino in fondo.

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2024. Tutti i diritti riservati.