La schiena è quella parte del corpo che si trova compresa tra i glutei e il collo ed è ricchissima di muscoli situati proprio nella zona posteriore del tronco, tra i più noti vi è sicuramente il muscolo trapezio che è un muscolo molto spesso causa di fastidi e dolori nella parte alta della schiena all’altezza delle scapole e del collo.

I muscoli di questa nostra parte anatomica ci permettono di muoverci, quindi di poter spostare le spalle e di conseguenza anche le braccia (non fanno parte dei muscoli della schiena, ma della spalla, il muscolo grande rotondo e la cuffia dei rotatori), ma anche di muovere il collo e di conseguenza la testa, aiutano a mantenere la postura, ma anche la respirazione ha bisogno di loro perchè effettuano sulle coste (le costole) un lavoro di innalzamento e abbassamento (depressione).

Anche per questi muscoli valgono le stesse regole che si sono viste per gli altri, quindi la parte centrale del muscolo è il ventre muscolare, che risulta essere quella più carnosa, compresa tra il tendine d’origine (quella che nelle contrazioni rimane fissa) e d’inserzione (quella che si muove quando vi sono delle contrazioni); la costituzione del ventre muscolare è data da tessuto connettivo, vasi sanguigni e fibre muscolari.

Nei post passati, relativi alla schiena, abbiamo già visto le ossa (la colonna vertebrale, le scapole, le coste), il midollo spinale (che è all’interno della colonna vertebrale), i nervi spinali (che hanno origine dal midollo e vanno a varie parti del nostro corpo), i vari legamenti e anche le articolazioni (che uniscono le varie vertebre relative alla colonna vertebrale).

Dobbiamo sapere che i muscoli della schiena sono tutti pari, quindi ve ne sono due uguali, ma sono suddivisi a strati, da quello più profondo a quello meno profondo, e anche a seconda dell’inserzione che hanno quindi avremo:

Suddivisione in base a origine e inserzione

Oltre alla classificazione relativa alla profondità in cui si trova il muscolo esiste una classificazione in base al fatto che questi muscoli siano o meno con origine e inserzione toracica oppure no.

Si avranno, quindi, muscoli intrinseci (ai quali appartengono i muscoli relativi allo strato profondo) ed estrinseci (ai quali appartengono i muscoli relativi agli strati intermedio e superficiale):

Intrinseci

Sono quei muscoli che hanno origine e inserzione toracica. Appartengono a questa categoria di muscoli:

  • i muscoli intercostali e sottocostali
  • il traverso del torace
  • gli elevatori delle coste

Estrinseci

Sono quei muscoli che hanno origine toracica, ma non è toracica l’inserzione, quindi l’inserzione si trova al di fuori della zona toracica. Appartengono a questa categoria di muscoli :

  • i spinoappendicolari e spinocostali (muscolo trapezio, erettore della colonna, grande dorsale, piccolo e grande romboide, elevatore della scapola, dentati posteriori inferiori e superiori, intertrasversari, spinotraversari e trasversospinali
  • i toracoappendicolari (piccolo e grande pettorale, dentato anteriore e succlavio)

Suddivisione in base alla profondità

A seconda della profondità sottocutanea i muscoli potranno essere suddivisi in:

Muscoli profondi (relativi allo strato profondo)

Si trovano nello strato più profondo, per lo più vanno dall’osso sacro al cranio e fanno parte dei muscoli intrinseci, sono ricoperti da una fascia detta “fascia profonda” e servono per i movimenti della colonna e della testa oltre che contribuire al mantenimento della postura. Pur essendo tutti in profondità essi si suddividono in quelli più o meno profondi e di conseguenza si avranno tre categorie di suddivisione dei muscoli profondi: superficiali, intermedi e profondi. Si avranno i muscoli intrinseci:

  • superficiali: che sono i muscoli spinotrasversali
  • intermedi: che sono i muscoli paravertebrali (detti anche erettori della colonna vertebrale)
  • profondi: che sono i muscoli trasversospinali

Muscoli intermedi (relativi allo strato intermedio)

Si trovano tra i superficiali e i profondi, quindi nello strato intermedio localizzato un pochino più in profondità rispetto ai superficiali. I muscoli appartenenti a questa categoria per lo più originano dalla colonna e si vanno ad inserire nella gabbia toracica e sono il dentato posteriore inferiore e superiore

Muscoli superficiali (relativi allo strato superficiale)

Si trovano proprio sotto alla cute e la fascia superficiale, essi hanno origine dalla colonna e si vanno ad inserire nelle ossa (tra queste vi sono l’omero, la clavicola e la scapola), fanno parte di questa categoria di muscoli il trapezio e il grande dorsale (essi sono i più superficiali), il piccolo e grande romboide e l’elevatore della scapola (che sono coperti dal muscolo trapezio)

Continua …

Se hai perso la prima parte che parla dei muscoli clicca qui.

Vuoi saperne di più sul trattamento decontratturante? clicca qui.

Se hai perso la prima parte che parla della colonna vertebrale clicca qui.

Se vuoi saperne di più sulla tecnica vertebrale clicca qui

Scopri anche il trattamento metamerico clicca qui.

La scorsa volta abbiamo parlato dei fiori di Bach: come li sceglieva Bach, la prossima volta andremo a scoprire altre curiosità sui fiori di Bach.

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti – faq scorrendo la pagina sino in fondo.

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Il post da alcune informazioni e cenni sul corpo umano ed alcuni meccanismi di esso, quindi non si tratta di uno scritto medico e non vuole esserlo, è solamente una breve spiegazione. In caso di informazioni più appropriate si consigliano libri tecnici o consultare un medico.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2023. Tutti i diritti riservati.