La quantità dell’olio deve essere sufficiente per ricoprire la zona da massaggiare e cambia a seconda del tipo di pelle; infatti non è uguale per tutti, vi sono pelli molto secche e che assorbono molto olio, altre invece sono già molto morbide e scorrevoli, quindi anche quasi senza olio si riesce ad effettuare il trattamento, negli uomini nelle zone coperte da peli va usato più olio perché i peli assorbono tantissimo.

L’olio da usare può essere anche portato dalla persona che richiede il massaggio, se no va bene un olio da massaggi od alimentare (meglio ancora perché di più difficile contestazione e più difficilmente può creare allergie).

In alternativa all’olio può essere utilizzato anche il borotalco, o talco, anche se sicuramente meno adatto in quanto meno scorrevole, ma in estate pare sia più apprezzato.

Nel caso in cui il cliente non gradisse l’olio od il talco ci saranno manualità più adatte ed altre meno, quindi si prediligeranno più le manipolazioni ai frizionamenti o scorrimenti.

Volendo scegliere un olio prettamente da massaggio ve ne sono di vari tipi e con determinate caratteristiche. 

Oli vettori

Questi oli sono puri e completamente vegetali.

  • olio di avocado (persea gratissima) utile per la pelle matura e con rughe
  • olio di germe di grano (triticum vulgare) ottimo olio curativo grazie alle sue proprietà rigeneranti, nutrienti, idratanti, elasticizzanti e tonificanti
  • olio di calendula (calendula officinalis) ottimo per chi soffre di problemi di circolazione
  • olio di sesamo (sesamum indicum) rafforza il sistema immunitario e riequilibra le funzioni dell’organismo
  • olio di oliva (olea europea) è un olio affine alla pelle, nutritivo ed emolliente, ottimo per dolori muscolari, usato per pelli secche e sensibili, riequilibra la pelle seborroica
  • olio di borragine (borago officinalis) antidepressivo e tonificatore cardiaco
  • olio di iperico (hypericum perforatum) utile per scottature, dolori articolari e gonfiori
  • olio di ribes nero (ribes nigrum) per psoriasi, acne, orticaria e pelle secca

Oli essenziali

Questi oli sono chiamati anche essenze, sono degli estratti molto concentrati e molto potenti, ottenuti dalle piante, possono essere anche miscele di sostanze  aromatiche prodotte da molte piante e sono presenti sotto forma di piccolissime goccioline nelle foglie, nella buccia dei frutti, nella resina dei rami o nel legno.

Sono naturali e vengono conservati in bottigliette ben chiuse, al riparo dall’aria e dalla luce; questi oli danno un beneficio non solo alla pelle rendendo anche facile il massaggio, ma anche tramite il profumo che emanano, il loro punto dolente è sicuramente il costo spesso eccessivo.

Alcuni oli essenziali sono :

  • menta (menta piperita) che è energizzante ed antidolorifico, contro la sonnolenza, il mal di testa, i disturbi digestivi e sono da usare poche gocce
  • rosa per depressione e stress e sono da usare poche gocce
  • rosmarino per sonnolenza e dolori, da evitare in gravidanza, con soggetti ipertesi od epilettici
  • ylang ylang per la depressione e lo stress e sono da usare poche gocce
  • zenzero per riscaldare e stimolare e vanno usate poche gocce
  • eucalipto (eucalyptus globulus) che è antibatterico, antidolorifico, per problemi respiratori, stimola l’organismo ed è decongestionante (vanno usate poche gocce)
  • lavanda (lavanda angustifoli) è antinfiammatoria e calmante, contro lo stress, il mal di testa ed i dolori in generale
  • legno di sandalo per stress e problemi alla pelle
  • neroli per stress, depressione e tensione emotiva, vanno usate poche gocce
  • carota (daucus carota) utile per mantenere la pelle giovane, elastica e sana
  • mandorle dolci (prunus amigdalus dulcis) che ha azione idratante ed emolliente
  • albicocca (prunis armeniaca) che è utile per pelli secche e disidratate   
  • arancia per disturbi depressivi e del sonno (bisogna evitare di prendere il sole per sei ore dopo l’uso)
  • cipresso per problemi respiratori e dolori reumatici ed è da evitare nei primi tre mesi di gravidanza
  • incenso contro lo stress 
  • geranio per la depressione e sono da usare poche gocce
  • gelsomino per la depressione e la sonnolenza, è da evitare in gravidanza e sui bambini
  • ginepro per i dolori ed è da evitare in gravidanza 

La scorsa volta abbiamo affrontato l’argomento relativo al Karma.

Lunedì prossimo parleremo del mantra.

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti – faq scorrendo la pagina sino in fondo.

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2023. Tutti i diritti riservati.