La scorsa volta abbiamo analizzato le lunghezze d’onda 850nm e 830nm, oggi vediamo di scoprire le altre tre lunghezze.

La lunghezza d’onda 810nm (luce quasi infrarossa)

Con la capacità di penetrare attraverso il cranio fino al cervello, la lunghezza d’onda di 810 nm offre una gamma unica di benefici neurologici. Molti esperti sono convinti che la la luce led  sia utile per disturbi cerebrali e potrebbe diventare un trattamento medico di prim’ordine in un futuro prossimo.

Ecco i vantaggi derivanti dalla lunghezza d’onda di 810 nm:

  • Miglioramento dello stato di omeostasi e del recupero: Un studio condotto su atleti ha dimostrato che l’applicazione della lunghezza d’onda di 810 nm prima dell’attività fisica ha migliorato le prestazioni muscolari e facilitato il recupero dopo l’esercizio.
  • Accelerazione della cicatrizzazione delle ferite: È stato riscontrato che la lunghezza d’onda di 810 nm favorisce una rapida cicatrizzazione delle ferite, promuovendo il processo di granulazione del tessuto.
  • Miglioramento del recupero dopo ictus: In un esperimento condotto su pazienti colpiti da ictus, si è osservato che le lunghezze d’onda di 810 nm hanno fornito benefici neuroprotettivi e migliorato il recupero nei casi di ictus moderato-gravi. A distanza di 90 giorni dall’ictus, il 70% dei pazienti trattati con la luce led a 810 nm ha riportato un esito positivo, rispetto al 51% del gruppo di controllo.
  • Favorire il recupero da lesioni cerebrali traumatiche: La lunghezza d’onda di 810 nm si è dimostrata particolarmente efficace nel favorire il recupero da lesioni cerebrali traumatiche e nel ridurre i danni neurologici a lungo termine, come dimostrato in modelli animali.
  • Miglioramento dei disturbi psichiatrici: Le lunghezze d’onda di 810 nm applicate sulla fronte hanno dimostrato di essere utili nei pazienti con depressione e ansia maggiori, offrendo un’alternativa a farmaci con effetti collaterali indesiderati.
  • Stimolazione della crescita dei capelli: Ricerche hanno evidenziato che la lunghezza d’onda di 810 nm può favorire una significativa crescita dei capelli nelle persone affette da alopecia androgenetica.

La lunghezza d’onda di 660nm (luce rossa)

Esiste una vasta quantità di letteratura che evidenzia i benefici della lunghezza d’onda di 660 nm. Avendo una penetrazione leggermente maggiore rispetto alla lunghezza d’onda di 630 nm, il 660 nm raggiunge l’intero strato cutaneo, promuovendo la cicatrizzazione e la rigenerazione.

Tra i suoi molteplici vantaggi, si includono:

  • Riduzione della fatica muscolare: La combinazione della lunghezza d’onda di 660 nm con quella quasi infrarossa di 830 nm è stata dimostrata efficace nel ritardare l’insorgenza della stanchezza muscolare e nel migliorare le prestazioni muscolari.
  • Riduzione dell’infiammazione: In uno studio sull’efficacia della luce rossa nella pleurite, si è osservato che la lunghezza d’onda di 660 nm ha un effetto antinfiammatorio.
  • Miglioramento delle ossa: Il 660 nm favorisce il riassorbimento e la formazione delle cellule ossee necessarie per la riparazione, senza alterare la struttura ossea.
  • Riduzione del gonfiore da lesioni: Un altro studio ha evidenziato che il 660 nm è in grado di ridurre sia l’infiammazione che il gonfiore, diminuendo il numero di cellule infiammatorie coinvolte.
  • Riduzione del dolore neuropatico: La luce con lunghezza d’onda di 660 nm ha mostrato un significativo effetto nel ridurre il dolore da nervo sciatico in modelli animali.
  • Rimarginazione accelerata delle ferite: Studi hanno dimostrato che il 660 nm favorisce la formazione di nuovi vasi sanguigni e migliora la deposizione di collagene, accelerando così il processo di cicatrizzazione delle ferite.

La lunghezza d’onda di 630 nm (luce rossa)

La lunghezza d’onda di 630 nm rappresenta un’opzione ideale per affrontare una vasta gamma di problematiche cutanee. Questa lunghezza d’onda penetra nelle cellule cutanee e nelle ghiandole sebacee, contribuendo al ringiovanimento del tono e della texture della pelle, levigando e uniformando la pigmentazione irregolare. Inoltre, aiuta a ridurre la comparsa di linee sottili e rughe, potenziando anche la ricrescita dei capelli.

I benefici offerti dalla lunghezza d’onda di 630 nm includono:

  • Riduzione delle linee sottili e delle rughe: In uno studio, l’utilizzo della lunghezza d’onda di 630 nm in combinazione con altri trattamenti estetici come il microago ha portato a un significativo miglioramento del fotodanneggiamento, delle linee sottili e del rilassamento cutaneo.
  • Miglioramento dei disturbi cutanei come la psoriasi: Un altro studio ha dimostrato che l’uso della lunghezza d’onda di 630 nm, combinata con un derivato dell’emoporfirina (HPD), ha contribuito a ridurre i sintomi associati alla psoriasi entro 17 giorni.
  • Stimolazione della ricrescita dei capelli: La luce rossa contenente la lunghezza d’onda di 630 nm è risultata efficace nel promuovere la crescita dei capelli sia negli uomini che nelle donne, probabilmente attraverso la stimolazione delle cellule staminali nei follicoli piliferi.
  • Trattamento dei tumori cutanei superficiali: Studi hanno dimostrato che le lunghezze d’onda di 630 nm sono utili nel trattamento dei tumori cutanei non melanoma.
  • Trattamento dell’acne: La lunghezza d’onda di 630 nm ha dimostrato di ridurre l’infiammazione e prevenire la formazione di nuove lesioni acneiche.

Continua …

Hai perso la prima parte? clicca qui

La scorsa volta abbiamo visto i fosfeni: le lucine che si vedono a occhi chiusi, continua a seguirmi per scoprire di cosa parleremo la prossima volta.

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti e faq scorrendo la pagina sino in fondo o alla pagina consigli e curiosità

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Preferisci vedere i video? Vai alla categoria video.

Vuoi saperne di più sui miei trattamenti? Clicca qui

Vuoi seguirmi sui social? Clicca qui, scorri verso il basso e fai clic sul social che preferisci

Il post da alcune informazioni e cenni sul corpo umano ed alcuni meccanismi di esso, quindi non si tratta di uno scritto medico e non vuole esserlo, è solamente una breve spiegazione. In caso di informazioni più appropriate si consigliano libri tecnici o consultare un medico.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2024. Tutti i diritti riservati.