Il pranoterapeuta influisce sullo stato di benessere di chi si affida a lui riportando la persona a ritrovare il suo equilibrio energetico e, di conseguenza, la giusta omeostasi; questo avviene grazie al trasferimento della sua energia alla persona che sta aiutando.

E’ stato considerato l’essenza dell’emissione energetica da quando si è evoluto sulla terra l’uomo, ha un surplus di energia che può donare a chi ne ha bisogno e la sua figura fu definita come quella del primo medico dell’umanità.

Non è un mago, un veggente e non appartiene all’occulto, è un soggetto bioradiante, ossia emette prana che è l’energia vitale, molto simile all’elettricità ed al magnetismo, ma molto più complessa: bisogna sapere che tutti assorbono ed emettono energia, solo che vi sono persone che ne assorbono di più e di conseguenza ne emettono di più, quindi l’emissione bioenergetica è superiore alla norma sia sotto il profilo qualitativo che quantitativo e di conseguenza questo surplus può donarlo. 

La sua energia è dinamica, ossia data dalla somma delle tre energie principali che sono l’elettrica, la magnetica e la calorica, e questo gli permette di poterla diffondere nell’ambiente che lo circonda, quindi non solo alle altre persone, ma a tutti gli animali, alle piante, ai minerali ed agli oggetti.

Spesso sono stati definiti “quelli dalle mani calde”, ma non sempre è così, infatti solo il pranoterapeuta calorico, o con alta percentuale calorica, ha le mani calde; chi invece è principalmente magnetico e/o elettrico ha le mani fredde; comunque sia quella delle mani è sicuramente la caratteristica più conosciuta del pranoterapeuta.

Bisogna, però, sapere che l’emissione energetica avviene da tutto il corpo e vi sono parti di esso che ne emettono di più rispetto alle mani, come ad esempio i gomiti, ma ovviamente le mani sono quelle che per istinto e per comodità e capacità di gestione vengono utilizzate maggiormente.

MANI DEL PRANOTERAPEUTA

Ogni pranoterapeuta ha una mano radiante ed una assorbente: 

  • radiante od irradiante (classificata con la sigla IRR): è quella con la quale il pranoterapeuta da la sua energia, tonifica (Yang) , la mano radiante ha i valori più alti.
  • assorbente  o riverberante (classificata con la sigla RIV): quella con la quale assorbe l’energia , calma (Yin), la mano assorbente ha i valori più bassi.

Per poter scoprire quale è radiante e quale assorbente esiste l’evidenziatore elettro-termovibrazionale che è un macchinario che non solo ci dirà quale mano è radiante e quale quella assorbente, ma anche i valori per ogni singolo dito; a volte può capitare di non ricordarsi quale è una e quale è l’altra allora una veloce prova si può effettuare sentendo gli sbalzi di temperatura:

  • stendere le braccia in orizzontale (mettere le braccia lungo il corpo e tirarle su stese sino a che le mani sono all’altezza delle spalle)
  • posizionare le mani con i palmi rivolti verso l’alto
  • girare le mani con i palmi verso il basso
  • girare le mani verso l’alto e verso il basso in sequenza alternata (una verso l’alto e l’altra verso il basso)

A questo punto le valutazioni da farsi saranno le seguenti:

  • la mano che sente gli sbalzi di temperatura (caldo/freddo) è la mano assorbente
  • la mano che risulta essere sempre calda è la mano radiante

Vuoi sapere quando si può effettuare un trattamento di pranoterapia? clicca qui.

Scopri anche come riconoscere chi può essere pranoterapeuta e perché si può essere pranoterapeuta e che tipologie ci sono.

La scorsa volta abbiamo parlato di tecnica vertebrale: la colonna vertebrale., la prossima volta parleremo ancora di tecnica vertebrale.

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti – faq. scorrendo la pagina sino in fondo.

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2024. Tutti i diritti riservati.