Non esiste una regola precisa su come debba presentarsi l’ambiente in cui ci si troverà quando si andrà da un professionista che si occupa di medicina alternativa, detta anche olistica, in quanto i trattamenti sono molteplici e con caratteristiche spesso diverse.

Ovviamente ognuno gestirà come meglio crede la sua attività, qui si danno solo delle informazioni generali, ma sicuramente alcuni punti risultano essenziali per far si che i clienti possano godere del trattamento al meglio.

Il luogo di lavoro deve essere pulito, della giusta temperatura, in ordine, senza odori sgradevoli e possibilmente tranquillo.

Vi sono dei contorni che possono aiutare a far si che l’ambiente risulti il più confortevole possibile come possono essere la luce più o meno forte, un sottofondo musicale, oggetti che possono migliorare la percezione delle energie o che le possano riequilibrare, un diffusore di essenze per profumare l’aria e tantissimo altro.

L’abbigliamento dell’operatore può variare a seconda del trattamento che andrà a svolgere ed anche dal gusto personale infatti il colore, il tessuto e la fattura della divisa, come per gli arredi, sono a gusto personale del professionista.

Alcuni accorgimenti possono essere il non indossare calze di nylon per evitare il ristagno delle energie negative, una lampada di sale dell’Himalaya che oltre a diffondere una bellissima luce purifica dalle energie negative, una lastra di alluminio collegata alla massa (quindi a terra) per potersi scaricare dalle energie negative.

lampada dell'Himalaya

lampada dell’Himalaya

Il lettino da massaggio deve avere il piano solido ed imbottito, ricoperto in similpelle lavabile sarebbe meglio, sopra al lettino sarebbe opportuno mettere una cerata sanitaria per mantenerlo sempre nuovo, poi una spugna od un lenzuolo di cotone e la carta usa e getta che va a coprire tutto il lettino, poggia testa e poggia braccia inclusi se esistenti darebbero un tocco in più.

Pare banale, ma il lettino è importante non solo per poter operare nel miglior modo possibile, ma anche per la persona trattata che dovrà rimanere per un certo tempo coricata e dovrà essere comoda.

Di lettini ce ne sono di vari tipi: fissi e pieghevoli, in legno ed in metallo, con il foro per il viso o senza, con poggia testa e braccia sotto al poggia testa o senza, con poggia braccia laterali o senza e con schienale che si può tirare su o no; sotto al lettino per comodità sarebbe il caso di mettere una rete ove porre asciugamani puliti, slip da massaggio e coperte.

Tenere anche un asciugamano arrotolato da mettere sotto alle caviglie per quando si effettuano manovre sulle gambe, od al suo posto un cuscino cilindrico o semicilindrico per massaggi, nonché un cuscino per appoggiare la testa nel qual caso il soggetto ricevente il trattamento non gradisse il poggia testa da lettino.

Il futon, che tradotto significa materasso arrotolato, è il materasso giapponese utile per trattamenti da svolgere a terra come ad esempio l’ayurveda.

Anche per il futon vi sono delle differenze: può andare dai 6 agli 8 centimetri di spessore, può essere realizzato in diversi materiali, ma il tradizionale è in cotone (va arieggiato perchè trattiene l’umidità).

Poi ci sono essenze ed oli che possono essere usati a seconda delle tipologie di trattamenti che effettua l’operatore, oppure si può usare benissimo un olio alimentare se non si vuole agire con le profumazioni ed i principi delle essenze, ma anche attrezzature dedicate per i vari trattamenti come ad esempio: campane tibetane, pietre, cristalli, colori, suoni ed altro ancora a seconda della tipologia di trattamento che viene offerto dal professionista.

Importante è sempre accertarsi del fatto che l’operatore sia in possesso di attestati che confermino la sua preparazione a svolgere il lavoro che sta effettuando onde evitare di mettersi nelle mani di chi non ha alcuna preparazione professionale.

La scorsa volta abbiamo parlato del percorso del massaggio

Lunedì prossimo affronteremo il Karma , mentre giovedì parleremo degli oli.

Per vedere tutti gli articoli usciti clicca qui.

Hai delle domande? Vedi se ci sono già le risposte in domande frequenti – faq scorrendo la pagina sino in fondo.

Non ci sono le risposte? Scrivimi.

Laura Barocci - Operatrice in discipline Bio-Naturali - Partita IVA IT03346200102 - C.F. BRCLRA65S69D969V
© 2023. Tutti i diritti riservati.